Testimonianze dal Viaggio Spirituale 2017

Home/Testimonianze dal Viaggio Spirituale 2017
Testimonianze dal Viaggio Spirituale 2017 2017-11-07T22:38:41+00:00

Ecco alcune testimonianze del viaggio spirituale avvenuto nel 2017.
Clicca sui blocchi che contengono i nomi per vedere le parole dalla viva voce di chi ha partecipato.

Cari amici della Tashi Orphan School,

siamo da poco rientrati dal Viaggio Spirituale in Nepal organizzato da Associazione Culturale Tibetana e dal suo presidente Lama Tashi ed è con grande gioia che vogliamo condividere con voi la nostra meravigliosa esperienza.
Il Viaggio Spirituale 2017 è stato davvero unico e speciale. In un anno così importante per il Buddhismo abbiamo avuto la fortuna di un gruppo stupendo, indescrivibile: 28 persone ormai diventate una famiglia, all’interno della grande famiglia della Tashi Orphan School. Guidati da un grande maestro, il nostro ormai padre e amico Lama Tashi abbiamo visitato luoghi meravigliosi e vibranti di spiritualità. Dalla potente meditazione con i monaci del Samteling Gompa allo Stupa di Boudhanath, dalla caverna di Padmasambhava attraverso i templi di Patan, Baktapur fino a Nagarkot e Nahamo Buddha. In ognuno di questi luoghi abbiamo portato le nostre sofferenze e le nostre preghiere ricevendo in cambio nuova energia e nuova forza. Lama Tashi più e più volte si è complimentato con tutti noi per il gruppo stupendo che abbiamo saputo creare, anche lui sentiva un’energia speciale. La verità è che non ci sono segreti o formule magiche, un gruppo è fatto di persone e in ognuno di noi Lama Tashi ha trovato qualcosa che nemmeno noi sapevamo di avere, un cuore puro, caldo, ha trovato gentilezza, umiltà, pazienza, comprensione e altruismo. Siamo arrivati nella sacra terra nepalese senza aspettarci nulla, ci siamo semplicemente affidati alla sua guida e abbiamo saputo cogliere ogni consiglio, ogni insegnamento come un dono, anche quando era difficile da comprendere. Lama Tashi ci ha spiegato che un pellegrinaggio non è tale senza sacrificio ed ha apprezzato in tutti noi questo sacrificio. Nonostante la stanchezza, la mancanza delle comodità alle quali siamo abituati, le condizioni climatiche che quest’anno erano particolarmente avverse e hanno reso più difficili e lenti gli spostamenti e nonostante le debolezze di ognuno, abbiamo saputo condividere, abbiamo aiutato e aspettato tutti, sempre con un sorriso o una battuta, con semplicità, con simpatia, rispetto e vero spirito compassionevole. Ciò alla fine ci ha permesso di vedere e scoprire più cose del previsto, arricchendoci di inaspettate esperienze e di fare tanto, tutti insieme, per aiutare la Tashi Orphan School.
Lama Tashi ci ha infatti dato l’opportunità di trascorrere del prezioso tempo con i nostri meravigliosi figli, fratelli e sorelle della scuola e a loro abbiamo donato i nostri cuori, le nostre cure e il nostro Amore davvero incondizionato.
Senza il giudizio di chi si sente superiore solo perchè vive in un posto del mondo che pensa sia migliore, ma con estrema umiltà e rispetto abbiamo saputo comprendere una cultura diversa e speciale e da questa cultura abbiamo imparato che siamo noi quelli davvero bisognosi, siamo noi quelli le cui vite sono prive e private di ciò che è davvero importante. La spiritualità, la gentilezza, l’altruismo e la compassione che abbiamo trovato nei cuori dei nostri bambini e ragazzi, degli insegnanti e di tutte le persone che lavorano nella Tashi School sono stati una grande lezione di vita, che porteremo per sempre con noi. Abbiamo avuto la fortuna di vivere questi luoghi di pellegrinaggio e il tempo trascorso all’orfanotrofio con Lama Tashi che con grande pazienza e umiltà ci ha dedicato tanto del il suo prezioso tempo, nonostante l’immensa mole di lavoro necessaria per mandare avanti il suo progetto.
La sua missione, la sua scuola, i suoi bambini sono la sua vita e noi siamo stati onorati di averne fatto parte. Ma più di ogni altra cosa ci siamo sentiti davvero fortunati e benedetti perchè grazie a questo viaggio siamo persone nuove, più ricche, i nostri cuori aperti e puri, le nostre menti purificate e sicure. Ora sappiamo che la via giusta da percorrere è la via della compassione, dell’equilibrio, dell’Amore vero ed incondizionato, perchè siamo tutti figli, fratelli, sorelle, madri e padri di ogni essere senziente.
Solo stando insieme abbiamo potuto trasformare l’IO in NOI e oggi siamo uniti da un’amicizia davvero speciale, piena di energia e Amore che giorno dopo giorno ci darà la forza di continuare a riempire le nostre vite di profondo significato.

Siamo noi tutti testimoni della serietà e dell’impegno profondo con cui Lama Tashi con la sua Associazione Culturale Tibetana lavora ogni giorno per garantire un futuro a questi meravigliosi bambini tibetani, preservando la bellezza della loro cultura. Abbiamo coccolato e giocato con i bambini più piccoli ma soprattutto abbiamo potuto conoscere i ragazzi più grandi e gli ex studenti, che sono ormai adulti, ma che tornano sempre a casa a trovare il loro papà e la loro famiglia. Abbiamo toccato con mano e visto con i nostri occhi il frutto di tanto lavoro, di come Lama Tashi ha saputo plasmare con i suoi insegnamenti e la sua guida ognuno di loro, trasformandoli giorno dopo giorno, anno dopo anno in adulti completi e preparati, felici, consapevoli, altruisti, compassionevoli e soprattutto membri responsabili della società.
Portiamo a tutti voi che seguite il progetto di Lama Tashi e che fate parte della grande famiglia della Tashi Orphan School il GRAZIE immenso da parte di tutti i bambini e ragazzi dell’orfanotrofio che vi abbracciano e pregano ogni giorno per i loro sostenitori in Italia e nel mondo e un grazie anche da parte nostra per il vostro prezioso supporto e sostegno a questo progetto.
A Lama Tashi, un grande uomo ma soprattutto un grande padre e maestro, dal profondo dei nostri cuori il nostro più sentito ringraziamento per questa opportunità unica e speciale.

Gruppo Viaggio Spirituale Nepal AMAZING 2017!!!
Rita, Iris, Milena, Mila, Valentina, Carol, Raffaele, Gianluca, Giovanna, Renato, Piero, Maurizio, Cinzia, Emanuela, Sara, Cristina, Paolo, Monica, Ilaria, Beatrice, Benedetta, Federica, Ludovica, Romina, Stefano, Angelica, Fabio, Katia.

Testimonianze individuali

Oggi ho trovato questa frase: “almeno una volta ‘anno vai in un posto dove non sei mai stato prima -Dalai Lama” . Giorni fa ho riletto il testo di una cartolina inviata ad un amico “è un viaggio di cui ancora non conosco la destinazione”. Un’amica mi ha proposto questo viaggio, mai avevo pensato al Nepal, quanto piuttosto all’India, nulla sapevo di Lama Tashi, della sua associazione, dell’Orphan School, poco mi ero documentata sull’esperienza che stavo intraprendendo, non avevo così alcuna aspettativa, solo la sensazione, forte, che sarebbe stata una bella esperienza. Tashi ti guida con amore, Tashi ti vede, ti segue con il suo sguardo mai giudicante, dolce, attento, lui c’è, tu ci sei tra molti, lui per tutti, un grande calore, tutto meraviglioso ed unico. I primi giorni quando sentivo parlare di “energia”, mi sembrava un termine abusato, ma al ritorno tutto si chiarisce, quell’energia c’è in quei luoghi magici che lui ti porta a scoprire, durante i suoi insegnamenti, mentre sei con i bimbi che sono creature educate, disciplinate, generose, sensibili, frutto della cura che Tashi dedica a loro incessantemente. Ritorni ai tuoi ritmi occidentali, ma non sei più uguale ed un viaggio è iniziato e sembra non finire ancora. Grazie a tutti, organizzatori, partecipanti, il mio adorato gruppo di avventura, i bimbi, il cui sorriso rimane nel cuore. Io sono più ricca, adesso il mio pensiero è rivolto a quanto io posso arricchire altri, anche solo suggerendo loro di fare una simile esperienza.
Con amore
Conoscere il Nepal e incontrare la mia piccola Dolker mi hanno salvato, nel senso letterale della parola.. arrivavo da un lungo e pesante periodo a livello personale e familiare che non ero più in grado di sopportare ne di superare.. speravo che le due settimane lontane da tutto e con nuove persone mi avrebbero aiutato a trovare una soluzione.. ma la cercavo nel posto sbagliato, perché la soluzione era dentro di me.. grazie alle esperienze vissute nei luoghi sacri che abbiamo visitato con la meravigliosa guida del Maestro Lama Tashi, ho imparato a centrarmi, a fare silenzio nella mente, a cambiare il mio atteggiamento verso l’esterno.. e grazie all’altruismo, all’amore incondizionato dei piccoli angeli della scuola, ho avuto degli insegnamenti che vanno ben al di là della loro tenera età : mi hanno insegnato cosa significhi amore, compassione, umiltà, gentilezza.. mi hanno mostrato cosa significhi Vivere con la V maiuscola, quanto siano inutili tante cose materiali che fino a quel momento credevo indispensabili, ma soprattutto che grande lacuna esiste nelle ns vita occidentale a livello spirituale..

beh, è che dire del gruppo di amici incontrati, compagni di viaggio indimenticabili ..28anime così diverse eppure così rispettose e sincere, ognuna a suo modo ha dato luce e colore a ogni sfaccettatura di ogni giornata.. se apparentemente sono stata un po’ in disparte perché mi sentivo di vivere così questi giorni, in realtà mi sento tuttora legata tantissimo con tutti! In ciascuna condivisione, chiacchierata o battuta ho sempre trovato una risonanza in quello che stavo provando e spesso una risposta a ciò che mi stavo chiedendo… si è creata un’alchimia perfetta, eravamo e siamo davvero una cosa sola..

non esiste una parola abbastanza grande per definire qs esperienza.. e per ringraziare tutti di avermi accompagnato in qs difficile momento.. ora la mia mente è tranquilla e serena, la mia vita ha ritrovato il suo scopo e il mio cuore sta illuminando il mio sentiero.

Perché si decide di partecipare ad un viaggio spirituale?
Analizzo le parole che ne compongono la domanda :
Partecipare, u1. essere presente e attivo, intervenire personalmente; prendere parte dal latino
Etimologia: ← dal lat. participāre, deriv. di partĭceps -cĭpis ‘partecipe’.
2. essere, diventare partecipe [+ di, a]: partecipo dei difetti di famiglia; partecipare al dolore, alla
gioia di qualcuno, soffrire, gioire insieme a luin bel motivo , comporta condivisione , conoscenza ,
mettersi in gioco
Viaggio per me è mettersi in movimento, amplia i miei confini emotivi e mentali viaggio 1. L’andare
da un luogo ad altro luogo, ma anche di noi stessi.
Per me spirituale è quel filo dorato che dal cuore arriva all’universo e si armonizza con il mondo
tutto
Leggendo fra le varie definizioni riporto questa perché vicina al mio sentire
Lo spirito è il centro animatore di ogni persona umana.
Allora perché sono partita? Penso perché era il momento , perché avevo conosciuto la persona
che mi ha dato fiducia…Lama Tashi , ma pensavo, io non sono Buddista e non pratico nessuna
religione, questo non ha importanza gli insegnamenti di Lama Tashi sono la voce di un padre
amorevole con tutta La Sapienza di una cultura , quella tibetana e la grande conoscenza della
filosofia del Buddismo
E parti con una idea in testa, viaggerò con una guida in un paese che mi attira da sempre,visiterò
l’orfanotrofio, potrò stare con bambini, mi peso buona e brava.
La sorpresa è che quando sono arrivata a Katmandu non è stato il paese, non sono stati i bambini
MA è stato il progetto
Salvare una cultura attraverso i meno fortunati, un riscatto una opportunit
E comprendi che ci sono disegni divini in tutto questo attraverso la sofferenza il dono di divenire
messaggeri.
Mi sono sentita come uno dei bambini del Tashi Orphan School (Scuola a Kathmandu, Nepal)
Stavo suggendone tutta la linfa vitale che permeava il mio essere con la ricchezza di un punto di
vista diverso.
A volte mi è capitato di non capire bene cosa stavo recitando o ascoltando o vedendo, ma la
sensazione era così piena di armonia che mi sono sempre sentita nel posto giusto
Penso che la volontà di Lama Tashi nel far conoscere e condividere la sua cultura ha abbracciato
tutti noi e ha fatto si che ne uscisse il meglio , la forza compassionevole dell’uomo.
Come in ogni viaggio della mia mia vita ho più preso che dato
Perché fare un viaggio spirituale
PER provocare noi stessi nelle nostre abitudini convinzioni, e metterci in ascolto su qualche cosa
di diverso
Diversità come ricchezza
Mi sono lasciata abbraccciare dall’amore dei bambini , bambini che sanno di essere nel loro dolore
di orfani, amati accolti e riconosciuti da un unico grande padre , che ne riconosce anche i talenti
individuali e li alimenta
Bambini che hanno come casa principale la cultura, la spiritualità di un popolo antico che pensa n
elle sue preghiera alla gioia di tutti gli esseri senzienti.
Non importa chi sei da dove vieni , non devi dimostrare nulla
Devi solo lasciare andare tutte le abitudini e ascoltare
Perché un idea diventi esperienza
Ti aiuterà a tua insaputa ad armonizzare le tue reazioni alla vita
Da io si spera di sentire il noi
Il cammino può essere lunghissimo ma che gli da la forza è il primo passo
Namaste
Om mane pad me om. A tutti
Sono di ritorno dal “ viaggio Spirituale” condotto da Lama Tashi in Nepal , precisamente a Katmandu. Riprendere le attività che avevo lasciato prima di partire, non è facile, mi accompagna ancora quel senso di appartenenza ad un luogo familiare e sconosciuto nello steso tempo. Una particolare nostalgia accompagna questi giornate: anche se faccio le stesse cose, nulla è più come prima.
Il mio pensiero è spesso là, con i bambini della Tashi Orphan School, le loro grida gioiose, i loro visi sorridenti sui quali , a volte, capitava di vedere un velo di? …. Non voglio definire ciò che non so, un abbraccio spazzava via tutto e si ricominciava a giocare, cantando canzoncine in una lingua a me sconosciuta ma di una musicalità straordinaria. I loro canti sono impressi nella mia memoria, voci cristalline e gioiose e i ritornelli risuonano ancora nella mia mente e nel cuore.
Ed anche il suono del gong alle 4:30 del mattino , nel vicino Monastero , che chiamava le Monache al Tempio per le preghiere e la Meditazione, con il susseguirsi del canto dei Mantra, tutto questo , mi infondeva un senso di benedizione; il risveglio portava la consapevolezza che un nuovo giorno stava per iniziare e con profonda gratitudine mi apprestavo a mia volta alle 6:00 a raggiungere il Tempio per la Meditazione mattutina.
La visita ai luoghi Sacri del Buddismo con Lama Tashi aggiungeva un senso di condivisione, di unione e fratellanza con gli altri “pellegrini “ in visita a quegli stessi luoghi così significativi per la loro cultura e tradizione. La loro devozione toccava il mio cuore, muovendomi a cercare e riconoscere un’altra me stessa in chi avevo accanto.
Nulla ora è più come prima, il Silenzio è diventato un bisogno, e in esso ritrovo tutta l’ universale Spiritualità che permea il Mondo e alla quale mi affido.
Profondamente Grata alle Forze che mi hanno condotta a questa esperienza!!
Quando ho deciso di fare questo viaggio, la prima cosa che ho pensato è stata quanto avrei potuto dare a questi bimbi, quanto avrei potuto amarli, farli felici con la mia presenza, i miei giochi, i miei abbracci e quanto amore avrei potuto dare a tutte quelle piccole anime.
Ma, una volta li, in quella scuola piena di sorrisi, abbracci, serenità e gioia, sono stata io a raccogliere a piene mani tutto l’amore del mondo.
Ogni giorno che passava era più bello del precedente, e anche quando vivevo qualche disagio, mi mettevo alla prova e alla fine la soddisfazione di avercela fatta era immensa.
E’ sempre bello dopo un viaggio ritornare a casa tra le proprie cose e i propri cari, ma non questa volta : non c’è giorno che io non rimpianga di non poter essere in quella scuola , con tutti quei bimbi meravigliosi.
Vi prego anime belle, aspettatemi…….Agosto non è così lontano !!!
E un grazie infinito a Lama Tashi che mi ha regalato questo sogno.
Viaggio spirituale……..quando ho letto questo titolo ho per un attimo sorriso, poi ho visto che era Lama Tashi che organizzava il tutto per finanziare la sua scuola, e mi sono fatto serio. Ero già stato in Nepal nel 1999 (su indicazioni di Lama Tashi), avevo già viaggiato nella spiritualità dell’Oriente (India del Nord, India del Sud) e dell’Occidente…..non mi interessava questa esperienza. Conoscendo però Lama Tashi da molti anni……la profondità del suo pensiero…..il viaggio spirituale in un certo senso mi attirava, ronzava nella mente e nel cuore…….era come una calamita; poi di getto, accantonato tutti i progetti fatti e preparati….si fanno le valige e si parte per il Nepal.

L’impatto con la scuola è stato forte…….forte in profondità, forte nell’intimità…….anche se avevo alle spalle anni e anni di volontariato…….ero vergine di fronte a questi bambini e bambine.

Il semplice gesto di prenderti per mano……..mi riempiva il cuore di lacrime di gioia…….e nella mente risuonavano le parole di Lama Tashi : pensate di dare, ma vedrete quanto riceverete.

Coinvolgente, il cammino, le puje, le situazioni………la spontaneità di queste Anime innocenti……..

Un grande insegnamento diretto da un Maestro di Vita.

I bambini mi hanno fatto una domanda silenziosa, ho dato la risposta : SI, per Voi ci sarò sempre !!!

Sono atterrata nel pianeta di Lama Tashi sulle ali dorate di Benny Siri he con i suoi occhi puri mi ha detto, dopo 18 anni che non la vedevo,: ”Vieni in Nepal. Devi!”.
Oggi, un po’ come dopo aver avuto un figlio, la mia percezione della vita è in cambiamento. Il viaggio è stato così ricco di esperienze ed emozioni da non poterle raccoglierle in poche righe. Ma siccome ognuno di noi che ha avuto la fortuna di incrociare sul suo cammino questo universo di saggezza, armonia, fede e rispetto della vita, rigore, impegno, calore, bellezza, attenzione….ha il compito di diffondere la filosofia di Lama Tashi, provo a ricordare una sensazione precisa e mai provata prima.
Una sera a circa meta’ del viaggio sono uscita da sola per le strade buie di Katmandu. Volevo provare a staccarmi dal meraviglioso cordone umano che il nostro gruppo stava formando, per vedere se camminavo in serenità’ anche da sola. Dopo i primi momenti titubanti il mio passo è diventato via via più’ rilassato. Non avevo più’ paura. A un tratto una muta di cani si è affiancata a me. Ho proseguito il cammino sentendo il loro passo vicino, il loro fiato, la natura benigna accanto. In un paese molto più’ povero del nostro le creature viventi sono rispettate e ci rispettano. Quante bugie sulla povertà ci fanno mangiare in Occidente, spingendoci ad allontanare chi ha materialmente meno di noi, chi non è perfetto nell’estetica e pieno nelle tasche. E così inseguendo questi modelli gli esseri umani si spezzano facilmente come matite spuntate se non trovano un equilibrio nell’anima.
Quella sera come poche altre volte nella mia vita mi sono sentita parte di un disegno universale, stretta stretta ai quei bimbi fantastici, che si stupivano noi piangessimo per la commozione, insegnandoci che le lacrime non vanno sprecate.
“Il cuore è l’unica verità, la mente è solo un passo”.
(Ramana Maharshi, mistico indiano del XX secolo).
Quando li ho visti per la prima volta, è già stato un insegnamento. Poi dopo i 15 giorni passati con i bimbi, la mia prima volta 8 anni fa, ho pensato: “se nella vita avessi un bambino biologicamente mio il regalo più grande sarebbe farlo crescere e andare a scuola proprio con loro, alla Tashi Orphan School di Lama Tashi”.
Ed eccoci qua, a trasformare in parole le sensazioni e le emozioni vissute in questo meraviglioso e unico viaggio spirituale.
Lo considero una tappa fondamentale della mia vita, in quanto lo sognavo da tanto tempo, ed è andato oltre ogni aspettativa.
Ho avuto modo di riscoprire me stessa al di fuori di un contesto conosciuto ed ho vissuto esperienze di un’energia immensa, le quali hanno colmato di gioia e amore ogni attimo vissuto in quei luoghi.
I bimbi sono fantastici, ti accolgono come uno di loro e condividono con te ogni cosa, donandoti sorrisi e abbracci. La loro vicinanza scuote il cuore e fa crollare ogni resistenza….sono davvero unici e sono proprio loro a rappresentare “il grande senso del viaggio”.
Cosa dire di Lama Tashi….lui è stato La Guida, l’appoggio, il riferimento; è stato grazie a lui se il cuore, giorno dopo giorno, si apriva sempre di più.
Attraverso i suoi sorrisi, la sua conoscenza e la sua spiritualità ho potuto percorrere questo viaggio dentro e  fuori di me.
È stato un grande Dono avere al mio fianco un numerosissimo e bellissimo gruppo, il confronto e la condivisione sono stati il completamento di questa esperienza.
Ringrazio Lama Tashi, tutti i bimbi, Katia e tutto il fantastico gruppo che mi ha accompagnata in questa percorso, perché è stato tutto come doveva essere….Fantastico!!
Con tanto tanto amore nel cuore
Grazie
Il viaggio che cercavo da tanti anni finalmente e’ arrivato…. e ha messo in fila tutta la mia vita, ha dato senso alle esperienze passate e al presente.

Ho trovato un grande maestro, i suoi insegnamenti sono semplici e veri. Le sue parole risuonano dentro e incontrano le mie, il mio cuore si e’ aperto e le emozioni di gioia, condivisione , amore si sono liberate, vive e fertili di bonta’.

Un viaggio spirituale di immenso valore per me, mi ha mostrato che il paradiso in terra esiste, se conosciamo la strada e la percorriamo con impegno.

Cosi’ come succede alla Tashi Orphan School in cui il dolore e la privazione sono trasformati in bellezza, amore ed opportunita di vita.

Mi ritengo veramente fortunata ho incontrato il mio maestro spirituale, nuovi amici attenti e amorevoli , l’affetto e gli abbracci ditanti piccoli bimbi sorridenti e felici e l’opportunita’ di aiutarli a crescere.