IL TIBET IN SINTESI

//IL TIBET IN SINTESI
IL TIBET IN SINTESI2019-05-13T11:19:29+00:00
Dimensione 2.5 milioni di Km/q
Capitale Lhasa
Popolazione 6 milioni di Tibetani (tra cui 2,09 milioni vivono nel TAR) e stimati 7.5 milioni di Cinesi
Religione 90 % Buddhisti; 10% Bon e Islam
Lingua Tibetano
Altitudine media 13000 piedi (4000 metri)
Montagna più alta Chomo Langma (Mt. Everest ) 29.028 piedi ( 8.848 metri)
Precipitazioni Nella parte occidentale ammontano a 1 mm in Gennaio e a 25 mm in Luglio. Nella parte orientale sono di circa 25-50 mm in Gennaio e 800 mm in Luglio.
Giacimenti minerali Bauxite, uranio, ferro, rame, cromite, carbone, sale, mica, litio, stagno, oro e petrolio
Fiumi principali Yarlung Tsangpo (Bramaputra in India), Machu (yellow river in China), Senge Khabab (Indus in India), Drichu (Yangtse in China), Phungchu (Arun in India), Gyalmo Ngulchu (Salween in Burma) and Zachu (Mekong in Thailand, Vietnam, Cambodia, Laos).
Economia agricoltura e allevamento
Animalie uccelli tipici Yak, Dri(femmina dello Yak), pecore Bharal, Cervo Muschiato, Antilope Tibetana, Gazzella Tibetana, Kyang (asino selvatico), Pica, Panda, Gru dal collare nero, Avvoltoio Barbuto, Svasso Maggiore, Oca calva, Anatra rossa, Ibis
Stato legale nazione occupata e nessun rappresentante ONU
Paesi confinanti Paesi confinanti
India, Nepal, Bhutan, Birmania, Turkestan oreintale, Mongolia e Cina

Il Tibet in esilio

Popolazione circa 130.000 [India 100.00; Nepal 20.000; Bhutan 2.000; Europa; 2.500; Canada 500; USA 1.500]
Governo Democratico. Sistema di voto tramite collegi elettorali popolari
Capo di stato Sua Santitità il XIV Dalai Lama
Dipartimenti Educazione, Finanze, Sanità, Interni, Informazione e Relazioni Internazionali, Religione e Cultura, Sicurezza
Sede del governo Dharamsala, India settentrionale
Alfabetizzazione 60% (il 92% dei bambini tibetani frequentano la scuola)
Status legale Apolidi. una piccola percentuale di Tibetani possiede un passaporto straniero. La maggior parte è in possesso di certificati di registrazioni indiani. I tibetani non sono riconosciuti come rifugiati dalle Nazione Unite